Esplora i contenuti taggati con viaggi

22/11/'63

Copertina del libro

Vostok100k

Screenshoot del sito

Wild

Copertina del libro

Drungli

Screenshoot del sito

Duemiladuecento chilometri via web

Devo ammettere che la storia di Paolo De Guidi mi ha affascinato come non capitava da un po'.Ha deciso infatti di percorrere (a piedi) la distanza tra Terni e Cambridge — qualcosa intorno ai 2.200 chilometri.
Ripeto, a piedi.Ok, non è certamente paragonabile alla storia di Alexander Supertramp, però diciamocelo, lasciare un lavoro per intraprendere una sgambettata tutt'altro che raminga dal centro Italia fino in Inghilterra — per raggiungere la fidanzata che lavora a Cambridge — nell'era delle superofferte Ryanair è qualcosa di quantomeno insolito.Duemiladuecento chilometri reali, non con la Wii Fit.E ammetto anche che un po' lo invidio. Io non lo farei mai, però mi coccola l'idea di sapere che c'è gente che ancora è capace di stupire e stupirmi.Paolo nella sua avventura incontrerà centinaia di persone che lo ospiteranno nel tragitto di poco meno di 100 tappe, cento giorni in cui attraverserà l'Italia, la Svizzera e la Francia per approdare in Gran Bretagna (in nave, mica a nuoto).Questo vagare è qualcosa di concreto, reale: lui ora si trova in Svizzera, per dire — esattamente a metà percorso. A volte ha qualche dolore alle gambe, altre volte si ritrova a camminare a -9 gradi. A volte si beve un bel bicchiere di vino in compagnia di perfetti sconosciuti che gli apriranno la porta di casa per una doccia e per riposarsi.Eppure tutto il suo viaggio è incredibilmente impermeato di web: ha pianificato il tragitto con Google Maps, ha trovato sponsor tecnici grazie alla rete, tiene un blog su Wordpress, aggiorna il suo status di Twitter, pubblica foto su Flickr e video su YouTube, si accomoda su divani trovati grazie a CouchSurfing: ha messo in moto un meccanismo molto virtuale per risolvere semplici e complessi problemi reali — e permette di seguire il suo tragitto ad appassionati e curiosi attraverso la rete stessa.A volte queste storie servono a me (e spero a molti altri) per riallacciare un rapporto concreto con la rete: dove persino i pizzicotti sono virtuali e dove un server perduto nelle campagne statunitensi si permette di avvisarci che dovremmo "essere anche amici di", l'avventura di Paolo mi ha ricordato di quanto è possibile fare e organizzare concretamente grazie al Web.

La Franchigena contromano

Screenshoot del sito
Un uomo che si sta facendo Terni - Cambridge a piedi.