#longroadtoturin: il diario di una (improbabile) follia

di @lucianoblini ♦ Tempo di lettura stimato: 2 minuti
Può un trentaseienne pigro, obeso, sedentario e vagamente interessato al podismo correre una maratona intera?

Sono appena passate le festività natalizie, quel magico periodo dell'anno dove è concesso mangiare qualsiasi schifezza senza rimorsi. Già ero cicciottello prima, ora ho una circonferenza davvero imbarazzante: me ne accorsi qualche anno fa che avevo qualche serio problema di linea e di salute.

Non ho mai fatto sport in tutta la mia vita, mai. Poi un giorno — superati abbondantemente i 30 di cui almeno 10 da fumatore accanito — mia moglie Michela (santissima donna) mi spronò a correre con lei. Pensavo di collassare dopo 200 metri, forse collassai a 300. In ogni caso da quel giorno non mi sono più fermato — e nel frattempo ho smesso di fumare.

Non ho mai corso una maratona o una mezza: quando corro -se corro- mi accontento della solita decina di chilometri a ritmo lento, guardandomi in giro come se fossi un turista affaticato. Ho iniziato a conoscere nuovi sentieri, nuovi paesi e strade a pochi metri da casa mia. Ho imparato a correre al buio, al freddo o con il solleone. Mi sono goduto ogni singolo metro, anche e soprattutto nella fatica.

Ero entusiasta.

Mi sono persino iscritto ad una società sportiva dove probabilmente quello che corre di meno fa ogni anno la 100 km del Passatore, per dire.

Il problema è che ci si abitua anche a tutto questo e le scuse per non uscire prendono il sopravvento.

Poi, dopo il luculliano Natale arriva il primo giorno dell'anno — il giorno delle promesse e dei buoni propositi. Il momento in cui ci si guarda allo specchio e ci si schifa un po'.

Allora ho cercato un nuovo obbiettivo per il 2013, un nuovo traguardo per trovare nuovi stimoli e continuare a stare bene. Mi sono iscritto senza molti complimenti alla Maratona di Torino 2013.

Ho pensato che fosse in data abbastanza lontana, in una città che ho sempre amato, con alcuni parenti e tanti atleti della mia squadra che potevano supportarmi. Tutto bello, peccato che non è una gita.

Sinceramente non ho mai desiderato fare una maratona, conosco i miei limiti e il mio carattere, non sono fatto per le competizioni — lo so bene. Correre 20, 30 o 42 km per uno come me è un'impresa titanica a prescindere dal chilometraggio: ce la farò? Boh, non importa.

Quello che so per certo è che ho solo 316 giorni per prepararmi e provarci, 316 giorni da oggi per perdere qualche chilo, trovare qualche stimolo, allenarmi, guardarmi ancora intorno — e raccontare qui i progressi (e gli insuccessi) di questa impresa.
 

Commenti

Luca - Domenica 03 Febbraio 2013 - 08:46:59 (circa 2053 giorni fa)
Vaaaai Ciaaaano!
Marco - Lunedì 04 Febbraio 2013 - 10:09:57 (circa 2052 giorni fa)
AHAHAHAHAH fesso

Commenta

Scrivi un commento http://