Geolocalizzazione per tutti: gli strumenti

di @lucianoblini ♦ Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Un podista prima o poi la domanda se la fa: quanti chilometri corro? A che velocità? E dove?

Registrare i propri progressi è molto facile da quando la tecnologia GPS è alla portata di tutti.

Vediamo che cosa serve ad un corridore, nella speranza di sciogliere alcuni dubbi.

La doverosa premessa: GPS, come funziona

Satelliti gps

La tecnologia GPS è ovviamente un sistema infinitamente complesso, per farla semplice basta sapere che nella nostra orbita terrestre sono posizionati centinaia di satelliti geostazionari militari e civili che mandano un continuo segnale binario sulla terra.

Basta essere in una zona in cui si riceve il segnale di 4 satelliti per triangolare (o per meglio dire trilaterare) la propria posizione. Servono almeno quattro satelliti perché bisogna calcolare latitudine, longitudine, altitudine e tempo (il quarto satellite serve anche per controllare l'accuratezza dei dati degli altri 3).

I satelliti a disposizione per questo servizio sono attualmente 31, ma alcuni di essi sono solo "di scorta" in caso di guasto degli altri satelliti operativi. A seconda della nostra posizione sul pianeta e dell'ora della giornata è possibile ricevere contemporaneamente il segnale di un minimo di 6 e un massimo di 12 satelliti, controllati e monitorati da 4 stazioni a terra. Ecco perché a volte è così difficile "agganciare" i satelliti: in base all'ora della giornata ce ne sono di più o di meno a disposizione.

Animazione della costellazione di satelliti

Inoltre ogni continente ha il proprio sistema GPS: ad esempio gli Stati Uniti hanno il NAVSTAR GPS, l'Europa ha GALILEO e la Russia il GLONASS.

Ebbene, il nostro dispositivo non fa altro che ricevere i segnali provenienti dal cielo e  trilaterarne i valori, ottenendo i 4 dati spazio-temporali basilari: tutti gli altri dati (velocità effettiva, velocità media, posizione su una mappa, salite, discese, chilometraggio totale ecc.) sono solo derivati da questi quattro valori.

I 4 valori vengono salvati in un semplicissimo file di testo che poi verrà "elaborato" successivamente.

Se teoricamente il sistema GPS è preciso al metro, in realtà tecnicamente non lo è affatto: per motivi di sicurezza militare il segnale è volutamente "disturbato" per evitare che si utilizzi la precisione del GPS su armi belliche.

La controprova: basta stare fermi e vedere che il GPS segnala un continuo spostamento di 5-10 metri (come se si camminasse 1 o 2 km. all'ora). Correndo però questo spostamento è pressoché annullato: certo, non ci si misurano i millesimi di secondo di Usain Bolt, ma è un ottimo sistema per sapere quanto (e soprattutto dove) si corre.

Inoltre il sistema subisce l'interferenza di palazzi alti e alberi, e la rifrazione atmosferica rallenta i segnali GPS. Il vapore acqueo della troposfera in una giornata di pioggia degrada la precisione del segnale, anche se, a dire il vero, per un corridore amatoriale la differenza è davvero inconsistente.

Tutto chiaro? Passiamo alla ferraglia.

Quello che ci serve quindi è solamente un dispositivo contenente un processore GPS, ma è proprio qui che si creano le incomprensioni più radicate nel mondo del running.

Cosa scegliere

Un processore sirf star iii

Un dettaglio che sfugge a molti è che il processore GPS contenuto nella propria strumentazione è prodotto dalla stessa azienda di un apparecchio magari molto più costoso: in tutto il mondo infatti le aziende produttrici di processori GPS sono una manciata. Per fare l'esempio dell'automobile, tutti i GPS hanno quasi sempre lo stesso motore prodotto dalla stessa casa automobilistica, ciò che cambia e fa la differenza sono gli optional. Non esistono GPS di gran lunga più accurati di altri: se è vero che alcuni hanno un sistema di correzione del segnale basta fare un giro sui forum dedicati per capire che in un bosco fitto quasi tutti i GPS soffrono di labirintite.

Quindi quali sono le caratteristiche di un GPS utili ad un podista?

A mio parere in primis bisogna gettare un occhio all'impermeabilità e la resistenza all'urto: il sudore, gli acquazzoni, il fango, la polvere e i graffi mettono a dura prova qualsiasi custodia a protezione dei costosissimi smartphone GPS che molta gente si porta appresso.

Davvero, non ne vale la pena.

Un orologio gps

Esiste un codice internazionale che identifica il grado di impermeabilità delle apparecchiature, chiamato International Protection: in fase di acquisto assicuratevi che il vostro GPS sia almeno IPX6, che è il minimo sindacale per chi suda abbondantemente.

Gli smartphone sono ingombranti, costosi, fragili: anche se uniscono parecchie funzioni (telefono in caso di emergenza, lettore mp3, GPS e macchina fotografica all'occorrenza), non sono studiati per la corsa. Se si corre con una certa regolarità e si preferiscono le strade sterrate è meglio un orologio GPS, oggi è possibile trovarli a prezzi abbordabili per qualsiasi tasca (dagli 80 ai 200 euro a seconda del modello).

Un altro fattore importante è il tempo di prima localizzazione (fixing) all'avvio. Se è vero che il processore GPS è identico o simile in tutti i dispositivi, la capacità di calcolo della prima posizione in fase di accensione è diverso da modello a modello anche magari della stessa marca: un GPS scadente può metterci anche 5 minuti prima di essere operativo. Durante l'acquisto chiedete di accendere il dispositivo (in esterno) e valutate se aspettereste il fixing da fermi per così tanto tempo, magari al freddo.

Assicuratevi che la batteria duri parecchio e sia di qualità: essendo spesso integrata non può essere sostituita.

Un gps logger a forma di portachiavi

Se siete alle prime armi e per voi un orologio GPS è "troppo" potete ripiegare su un gpslogger:  sono dispositivi piccolissimi, non hanno nemmeno uno schermo, consumano molto poco e non hanno un "software" capace di mostrare dati complessi. Registrano la vostra posizione e stop. Una volta connessi ad un PC forniscono le coordinate del tracciato, facendo calcolare il tutto dal software o dal sito su cui si vanno a pubblicare i percorsi.

Se invece volete lanciarvi nel folle acquisto di un orologio, vi basta solo assicurarvi che i dati mostrati in tempo reale sullo schermo siano di vostra utilità e gradimento.

Tutto qui? Sì. Il resto lo fa il software sul vostro PC o sul sito community su cui andate a pubblicare i dati. Ma questo è un altro capitolo che affronteremo a breve. Vedremo le varie GPS community on-line (Endomondo, Garmin, Runkeeper ecc.) e vedremo qualche esempio per visualizzare ed elaborare i dati in autonomia.

La schermata di un programma di registrazione gps su iphone

Alcune domande, alcune risposte

"Il mio orologio GPS è sballato, sembra che corro in mezzo ai palazzi o sui muri"

Una volta che  ti sei tranquillizzato sul fatto che la geolocalizzazione non è precisa al millimetro, controlla se il settaggio del tuo dispositivo o del programma installato sul tuo cellulare permette di specificare quanti punti salvare: ovviamente più coordinate salva (ogni secondo? ogni 5 secondi?), più i dati sono precisi e le curve più arrotondate. Inoltre le mappe e le fotografie aeree su cui vengono visualizzati i tuoi dati possono essere meno precise di quello che pensi.

"La tal marca è più precisa!"

Se proprio sei fanatico del millimetro assicurati che il tuo dispositivo abbia il sistema di correzione WAAS/EGNOS, DGPS o Enhanced GPS, ovvero sistemi di controllo ibrido satellite / terrestre che permette di ridurre gli errori di trilaterazione. In poche parole il tuo dispositivo è abilitato a ricevere un altro segnale che confronta la tua posizione rispetto ad alcune basi terrestri (come ad esempio le celle radio GSM), che insieme ai dati satellitari canonici ti permette di avere un fixing molto rapido e una precisione maggiore.

 
Dettagli
  • URL:
  • Scritto e pubblicato per: Runnerds
  • In data: 2012-07-27 14:00:00

Commenti

Veruska - Giovedì 03 Gennaio 2013 - 17:52:09 (circa 2170 giorni fa)
Che GPS consigli?
Luciano - Mercoledì 30 Gennaio 2013 - 15:41:34 (circa 2143 giorni fa)
Io uso quelli della Decathlon.

Commenta

Scrivi un commento http://